Cerca
Close this search box.

Matthew Fox: «La relazione è la chiave del tutto»

La lezione magistrale di Matthew Fox tenutasi a Villa Caldogno (Vicenza) il 7 giugno scorso ha affascinato il pubblico sui temi della vita, del lavoro, del senso.
Condividi questo articolo:

Nella cornice meravigliosa della palladiana Villa Caldogno, il 7 giugno scorso, una lezione magistrale del teologo Matthew Fox organizzata grazie alla sinergia tra Relazionésimo, Comune e Pro Loco di Caldogno, Villeggendo e l’associazione Mistica Evolutiva ha affascinato il pubblico con i suoi approfondimenti sui temi della relazione, del lavoro, del senso.

La grande lezione di spiritualità che ci viene dalla mistica occidentale, ha spiegato Fox, autore pluri tradotto e conosciuto per le sue opere sul tema della creazione e del rapporto tra scienza e fede, è che «tutto è relazione». Relazione col cosmo, relazione con la Terra, relazione con noi stessi e gli altri. Relazione con quell’Altro che le tradizioni spirituali chiamano «Dio».

«Se non si lavora su se stessi, gran parte della nostra azione è solo proiezione. Dobbiamo parlare e fare il lavoro interiore che permette al lavoro esteriore di essere autentico ed efficace», ha spiegato Fox.

Durante la sua lectio Fox si è soffermato a lungo sulle tematiche di Relazionésimo, definendolo uno «straordinario connubio di filosofia, spiritualità, azione e scienza», sostenendo che siamo alla vigilia di un possibile salto evolutivo. L’uomo scomparirà? Resteranno di lui e delle sue opere solo polvere e rovine?

Siamo a rischio di estinzione, questo è fuori da ogni dubbio. Lo confermano il cambiamento climatico, l’implementazione di un’Intelligenza Artificiale forte, il collasso dei sistemi democratici. Tutto sembra volgere al peggio.

Ketty Panni (Presidente di Relazionésimo) e Matthew Fox

La posizione di Fox è, da sempre, volta alla positività.  Questo perché, spiega, «nelle grandi crisi l’umanità ha trovato e messo in campo le proprie risorse creative. Oggi queste risorse devono generare nuove alleanze: tra generazioni, tra saperi, tra pratiche».

Pensiamo al lavoro: «se solo capissimo che il lavoro è vita e che c’è differenza tra lavoro e occupazione, avremmo fatto un salto in avanti».

Richiamando il mistico tedesco Eckhart, più volte citato durante la lezione, Fox ha ribadito che il tutto è più della somma delle parti, ma che è alle parti (alle persone, nelle loro vite concrete) che dobbiamo prestare cura e attenzione se vogliamo coltivare il tutto

Per questa ragione, ha concluso Fox, «sapremo uscire da ogni vicolo cieco, se comprenderemo che il problema e al tempo stesso la sua soluzione è in quella parola al tempo stesso poetica e pratica che in tutte le lingue risponde al termine relazione».

 

 

News correlate

Newsletter

Resta sempre aggiornato sulle novità di {Relazionésimo}*